cop.indd

Ponte Ponente Ponte Pi

16.00

Disponibile

COD: 978-88-98314-86-7 Categorie: ,

Descrizione prodotto

Ponte Ponente Ponte Pi

Ciò che caratterizza le filastrocche è essenzialmente la musicalità, il ritmo, la sonorità delle parole, favoriti da una struttura che è fortemente iterativa e pertanto facilmente assimilabile e memorizzabile dai bambini più piccoli, che sono attratti più dal ritmo e dal significante che dal significato. Anche per questo motivo troviamo molte filastrocche che non hanno un senso compiuto. Bruno Munari ricordava che “non dobbiamo preoccuparci del senso logico perché ai bambini non interessa; sentite cosa dicono loro nei loro giochi: auliulé, chitaprufì, talunsinghé, tulilem lem blum tulilem lem blum…” Non c’è un senso logico in questa filastrocca: c’è il gioco verbale, c’è il ritmo, ci sono vaghe immagini. Da diversi anni ormai non escono raccolte di filastrocche. Si rischia ancora una volta di perdere un patrimonio culturale importante perché legato alle nostre tradizioni e alla nostra identità. La scrittura è il prolungamento della memoria dell’uomo e ci consente di non dimenticare e di non disperdere un patrimonio prezioso, oggi messo in pericolo dalla globalizzazione che annulla le diversità culturali “omologando conoscenza e identità”.

Autore: Sara Favarò