Cambiamento climatico e politiche in Europa

L’Obiettivo di Sviluppo sostenibile numero 13 non poteva essere scritto con più chiarezza: adottare misure urgenti per combattere i cambiamenti climatici e le loro conseguenze. Un unico grande obiettivo spiegato in una semplice frase. Vediamo in quest’articolo quali sono i rischi del cambiamento climatico e come l’Unione Europea sta agendo per far fronte alla minaccia.

La minaccia del cambiamento climatico

Il clima globale è variato notevolmente nel corso della storia della Terra. Negli ultimi decenni del ventesimo secolo, il mondo ha sperimentato un tasso di riscaldamento senza precedenti da migliaia di anni, per quanto possiamo dire dalle prove disponibili. L’aumento della temperatura media globale è stato accompagnato da continui aumenti delle temperature e dell’accumulo di calore oceanico, del livello del mare e del vapore acqueo atmosferico. C’è stata anche una riduzione delle dimensioni delle calotte glaciali e della maggior parte dei ghiacciai. Il recente rallentamento del tasso di riscaldamento superficiale è dovuto principalmente alla variabilità climatica che ha redistribuito il calore nell’oceano, provocando il riscaldamento in profondità e il raffreddamento delle acque superficiali.

Le attività umane stanno aumentando le concentrazioni di gas serra nell’atmosfera. È estremamente probabile che questo aumento abbia causato la maggior parte del riscaldamento globale osservato di recente, con la CO2 che è il maggior contributore.

Se le emissioni di gas serra continuano a crescere rapidamente, si prevede che, entro il 2100, la temperatura media globale dell’aria sulla superficie terrestre si scalderà di circa 4 ° C rispetto alle temperature della metà del XIX secolo. Ci sono molte probabili ramificazioni di questo riscaldamento. Tuttavia, se le emissioni vengono ridotte sufficientemente rapidamente, c’è la possibilità che il riscaldamento medio globale non superi i 2 ° C e gli altri impatti saranno limitati.

Dalla metà del XX secolo, il cambiamento climatico ha determinato un aumento della frequenza e dell’intensità dei giorni molto caldi e una diminuzione nei giorni molto freddi. Queste tendenze continueranno con un ulteriore riscaldamento globale. Gli eventi di forti piogge si sono intensificati sulla maggior parte delle aree terrestri e probabilmente continueranno a farlo, ma si prevede che i cambiamenti varieranno a seconda della regione.

Il livello del mare è aumentato durante il XX secolo. I due principali fattori che contribuiscono sono l’espansione dell’acqua di mare durante il riscaldamento e la perdita di ghiaccio dai ghiacciai. È molto probabile che il livello del mare aumenti più rapidamente durante il ventunesimo secolo rispetto al ventesimo secolo e continuerà a salire per molti secoli.

Il cambiamento climatico ha impatti sugli ecosistemi, sui sistemi costieri, sui regimi antincendio, sulla sicurezza alimentare e idrica, sulla salute, sulle infrastrutture e sulla sicurezza umana. Gli impatti sugli ecosistemi e sulle società si stanno già verificando in tutto il mondo.

Se le emissioni di gas serra continuano ad essere elevate, è probabile che la componente del cambiamento climatico indotta dall’uomo supererà la capacità di adattamento di alcuni paesi.

Esiste un accordo quasi unanime tra gli scienziati del clima sul fatto che il riscaldamento globale causato dall’uomo sia reale. Tuttavia, il futuro cambiamento climatico e i suoi effetti sono difficili da prevedere con precisione, soprattutto a livello regionale e locale. Molti fattori impediscono previsioni più accurate ed è probabile che qualche incertezza permanga per molto tempo.

Ecco che l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile numero 13 attira l’attenzione sull’azione delle nazioni: devono fare scelte su come rispondere alle conseguenze del futuro cambiamento climatico. Le strategie disponibili includono la riduzione delle emissioni, la cattura di CO2, l’adattamento e la “geo-ingegneria”. Queste strategie, che possono essere combinate, comportano diversi livelli di rischio ambientale e diverse conseguenze per la società. Il ruolo della scienza del clima è quello di informare le decisioni fornendo la migliore conoscenza possibile sui risultati climatici e sulle conseguenze di strategie di azione alternative.

L’Unione europea contro l’inquinamento industriale

L’SDG 13 è stato preso piuttosto seriamente dall’Unione Europea, soprattutto in termini di azioni contro l’inquinamento atmosferico, è definito come l’aggiunta di varie sostanze chimiche pericolose, particolato, sostanze tossiche e organismi biologici all’atmosfera terrestre. Ci sono diversi fattori che causano l’inquinamento atmosferico, ma ciò che proviene da industrie e fabbriche è spesso considerato un fattore importante nell’inquinamento atmosferico. Secondo uno studio condotto dalla Environmental Protection Agency, o EPA, si è scoperto che l’inquinamento industriale rappresenta circa il 50% dell’inquinamento negli Stati Uniti d’America. Esistono numerose gravi implicazioni ecologiche e rischi per la salute associati all’inquinamento atmosferico industriale.

Anche in Europa le concentrazioni di inquinanti atmosferici sono ancora troppo elevate e persistono problemi di qualità dell’aria da parte delle industrie.

L’UE agisce a molti livelli per ridurre l’esposizione all’inquinamento atmosferico e per migliorare la qualità dell’aria, negli ultimi anni l’azione più importante dell’Unione Europea in campo ambientale è il “New Green Deal”, un piano di finanziamento che mira a migliorare il settore dell’economia circolare, riducendo notevolmente l’inquinamento da industrie.

Svolge un ruolo fondamentale l’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) la quale è il centro dati sull’inquinamento atmosferico dell’Unione europea e sostiene l’attuazione della legislazione dell’UE relativa alle emissioni al monitoraggio della qualità dell’aria; in particolare, il lavoro dell’AEA si concentra su:

  • mettere a disposizione del pubblico una serie di dati sull’inquinamento atmosferico;
  • documentare e valutare le tendenze dell’inquinamento atmosferico e le relative politiche e misure in Europa;
  • studiare i compromessi e le sinergie tra l’inquinamento atmosferico e la politica in diverse aree, inclusi i cambiamenti climatici, l’energia, i trasporti e l’industria.